MINIGHIRI AFRICANI - animalicortile

Cerca nel sito
Vai ai contenuti

Menu principale:

MINIGHIRI AFRICANI

Il Mini ghiro africano, nome scientifico Graphiurus Murinus, ha una distribuzione che comprende gran parte del continte Africano a sud del Sahara. Il suo habitat tipico è il bosco. Animale vivace, intelligente, curioso. Se allevato in ambienti adatti come teche o terrari, con un gran numero di nascondigli, nidi, rami, questo animale è stimolato, e si sente a suo agio. Se manipolato ogni tanto si abitua al contatto umano e si farà prendere senza agitarsi. La coda molto sviluppata rispetto al corpo è utilizzata dall animale per mantenere l'equilibrio durante i suoi movimenti; bisogna far attenzione alla coda durante la manipolazione dell animale, perchè è fragile e se per caso si spezza o si rompe non si rigenera più a differenza di altri animali domestici come il ratto.
In natura il ghiro pimgeo ha una dieta onnivora.Si ciba di semi, frutta, insetti, uova e piccoli vertebrati quali i gechi o le lucertole.
In cattività come alimento fondamentale, può andare bene la frutta, e si integra con piccoli semi,tarme della farina o caimani verdura.

Di per se una dieta ricca di frutta diminuisce il fabbisogno di acqua per i nostri minighiri, tuttavia per essere più tranquilli un beverino a sfera appeso alla nostra teca risolverà ogni dubbio e permetterà di dar loro acqua sempre pulita. Sempre meglio il beverino perchè l'acqua in una ciotola spesso viene usata da loro per farsi il bagno sporcandola subito ed imbrattando il substrato.
L'alloggio ideale per questi animali è una teca di vetro, meglio se integrate con reti metalliche a maglie molto fini, tipo zanzariera, per garantire una corretta areazione dell ambiente e, soprattutto, la sicurezza che non possano scappare in quanto sono estremamente abili nel fuggire.

 
Torna ai contenuti | Torna al menu